01/08/07

The Tall ships

Piccola parentesi per raccontarvi il mio pomeriggio di ieri. Imbarco ore 13.30 dal porticciolo di Sestri ponente, sotto un sole cocente e accompagnati da oltre venti nodi di maestrale. Direzione: porto di Genova, per ammirare dal mare la partenza delle Tall Ships, i grandi velieri che lasciavano Genova dopo quattro giorni di festa. Misteriosamente, davanti a Genova il vento è calato. E meno male, perché a causa dell'onda provocata soprattutto dai battelli turistici e dalle numerose imbarcazioni presenti, era davvero difficile fare foto quantomeno decenti.



Questa è la Belle Poule, bellissima goletta in legno della Marina francese, famosa per aver riportato in Francia da Sant'Elena i resti di Napoleone.



A sinistra la Stad Amsterdam, ricostruzione moderna ma fedele di un clipper, le grandi navi veloci a vela (tre alberi) impiegate per il trasporto merci sulle rotte oceaniche. E' la nave simbolo della città di Amsterdam, utilizzata come nave scuola dalla Marina olandese e come veliero da competizione. Ha scafo in acciaio ed è lunga 76 metri.
A destra la mia preferita, la Jolie Brise. Costruita a Le Havre nel 1913, vinse tre Fastnet negli anni '30, Nel 1932, divenne famosa soprattutto per aver salvato l'equipaggio della goletta americana Adriana, che prese fuoco durante la regata della Bermuda.




Ed ecco, infine, l'Amerigo Vespucci, la più famosa nave della Marina militare italiana. Un colosso di 101 m con tre alberi e scafo in acciaio. Può portare, tra equipaggio e allievi fino a 480 persone! Pesa 4176 t, un vero macigno e, per questo, non è certo tra le mie preferite, nonostante il notevole impatto visivo: sembra proprio una nave da film...
Cen'erano molte altre (42 in totale), tutte bellissime, ognuna con la sua storia e con gli equipaggi più disparati. Dai chiassosi e festaioli uruguayani della Capitan Miranda (la sera la nave sembrava una discoteca) ai biondi e seriosi militari russi della Mir.
Insomma, per chi ama il mare e le barche, uno spettacolo indimenticabile.
Sul ritorno abbiamo ritrovato il nostro maestrale che ci ha regalato una bellissima bolina fino all'ormeggio, a completare una meravigliosa giornata di mare. E tra poco si salpa di nuovo!

8 commenti:

lefrancbuveur ha detto...

avrei voluto esser li! beata te che abiti in liguria...

adina ha detto...

solo una parola: che meraviglia!!!

k ha detto...

@lefrancbuveur: eh, una capatina potevi pur farcela. Ne valeva la pena :)

@adina: esatto :))

Dolcetto ha detto...

Uau che spettacolo!!! Mi sarebbe piaciuto molto vederlo! Che fortuna!
Bellissime anche le tue foto...

franci ha detto...

Che meraviglia, avrei voluto esserci!
io vado sempre a Imperia e quando organizzano la regata delle vele d'epoca è uno spettacolo... veleggia anche a ponente! :)
ciao ciao

Anonimo ha detto...

Anche io sono di Genova e ti confesso che aspettavo il tuo "articolo"....so che sei appassionata di mare,di vela e di pesce e ogni tanto vengo a visitare il tuo blog,davvero carino,tra l'altro un sacco di volte che mangiavi palamita la mangiavamo anche noi(pescata da un amico)anzi la mangio anche stasera!!!Anche io ho un gatto e il mio nick è il suo nome,ciao da Tigro.

k ha detto...

ciao Tigro!
E' stato proprio un bello spettacolo, vero?
Per la palamita... io la compro, che con la pesca siamo un po' imbranati :P
Però ora ci hanno regalato una bella canna con mulinello, e vedremo in Corsica se riusciamo a combinare quelcosa!
Grazie della visita e a presto :-)

nightfairy ha detto...

Stupende :-O