28/08/08

Buon vento dell'Ovest

orizzonti

E, alla fine, ne è valsa davvero la pena, di rifare in parte il percorso dello scorso anno. Per spingerci stavolta un po' più in là, fino alle falesie di Cassis e alle calanques che stupiscono i naviganti con la loro bellezza e imponenza lungo la strada del mare che conduce a Marsiglia.
In due con una barchetta di 9 metri è un percorso abbastanza lungo. In due settimane abbiamo macinato più di 400 miglia tra andata e ritorno, e sono state miglia spese bene.

All'andata abbiamo fatto una notturna con una tappa unica da Genova a Saint-Tropez. Una notte in rada e via, per allontanarsi il prima possibile dalla rumorosa e poco attraente - almeno per me, almeno in estate - Costa Azzurra, davvero troppo affollata, sia in terra che in mare, per i miei gusti. Siamo stati alcuni giorni a Porquerolles, di cui ho già parlato lo scorso anno. Le isole di Hyeres sono meravigliose (mare blu, spiagge di sabbia, niente auto ecc...) ma io ho insistito per proseguire. Ema ha ceduto ma alla fine era quasi più contento di me.
Grazie ad una giornata con poco vento abbiamo superato Tolone e il famigerato Cap Siciè - sorta di Capo Horn nostrano, a detta dei locali, quando soffia il mistral - e ci siamo trovati di fronte ad un panorama mozzafiato.

ciotat

ciotat2

Abbiamo fatto base alla Ciotat, piccola e accogliente cittadina, sede di storici cantieri navali entrati in crisi alla fine degli anni ottanta, e riconvertiti n questi ultimi anni alla haute plaisance, la grande nautica da diporto.
A partire da qui, procedendo verso ovest si apre una costa pressoché deserta che - con l'eccezione della piccola Cassis - si snoda lungo un percorso di circa 25 miglia, fino a Marsiglia. In mezzo falesie, calanques, isolette, rocce bianche e acqua trasparentissima. E... il nulla. Niente alberghi, niente case, pochissimi turisti. Un vero paradiso :-)

calanques

"C’est vrai qu’elles sont belles, les calanques. Ce n’est rien de le dire, il faut venir les voir. Mais on ne peut y accéder qu’à pied, ou en bateau. Les touristes y réfléchissaient à deux fois, et c’était bien ainsi".
Jean-Claude Izzo

A Marsiglia, dove ero stata qualche anno fa, siamo poi andati in bus. Purtroppo non ho fatto foto, perché dopo la mia precedente visita, ho preferito lasciare la Canon in barca in un eccesso di prudenza. Adoro Marsiglia, che per certi versi assomiglia a Genova, bellissima e forse anche un po' difficile per un turista, con la sua ampia periferia di quartieri popolari e le sue ruelles che scendono ripide verso il Port Vieux. Questa seconda visita, devo dire, forse complice il fatto che era agosto ed era giorno, mi ha restituito un'immagine più serena e vivace. Nel 2013 Marsiglia sarà capitale europea della cultura, proprio come Genova qualche anno fa. Immagino che questo contribuirà al rilancio della città, e a renderla ancora più bella. Confido, tuttavia, che i francesi saranno attenti a non snaturarla troppo, conservandone il fascino descritto splendidamente da Izzo:


"Marseille, on ne peut l'aimer qu'en arrivant par la mer. Au petit matin, à cette heure où le soleil, surgissant derrière le massif de Marseilleveyre, embrase ses colline et redonne du rose à ses vieilles pierres. On découvre alors la ville comme Protis le Phocéen la découvrit, il y a deux mille six cents ans. Et qu'importe si c'est exagérer de dire ça. Marseille exagère, toujours. C'est son fond. Et, dans le fond, rien n'a changé depuis ce jour-là.Quand la rade vous ouvre ses bras, alors, alors seulement, on perçoit le sens, éternel, de cette ville. L'accueil. Car Marseille est faite d'ailleurs, d'exils, et elle se donne sans résistance à ceux qui savent la prendre, l'aimer. Ici, on est chez soi. D'où que l'on vienne. Et personne, jamais, ne vous demandera d'où vous arrivez, exception faite des flics, la nuit".


Izzo parla anche spesso della luce di Marsiglia, e del vento, che contribuisce a rendere il blu più blu e il verde più verde. In effetti, oltre alla bellezza del paesaggio, della Provenza a me continuano a stupire i colori intensi, che rimangono negli occhi e nel cuore.

ciotat3

Un'ultima annotazione di stile riguardo la Francia, i francesi e il loro rapporto con le barche a vela. L'avevo già notato al Nord, in Normandia e Bretagna, ma anche al Sud è la stessa cosa. Mentre in Italia la barca è un oggetto di lusso, da rinnovare come fosse una macchina, da lucidare da mattina a sera, in modo che sia sempre p-e-r-f-e-t-t-a per poi passare le giornate nei porti e le serate al ristorante, in Francia la barca è una sorta di casa viaggiante, sulla quale le famiglie francesi si portano di tutto: biciclette, ombrelloni (ombrelloni, sì! Altro che bimini da 2.000 euro), barbecue, canotti e canoe, cani e gatti, bambini di ogni età.
Ci sono barche di ogni tipo, ovvio, vecchie o nuove, bellissime o inguardabili, ma non è questo che conta. L'importante è navigare, fare bei bagni e belle cene, rigorosamente in barca, accompagnate da una bella bottiglia di vino fresco.
E i porti francesi lo sanno bene, e non si permettono i prezzi da strozzinaggio dei marina italiani, che per accatastare la tua barchetta a decine di altre arrivano a chiederti anche 120 euro a notte. Insomma, un altro mondo per chi ama il mare, e ogni volta che torno penso che tornerò in Francia anche il prossimo anno, che la Camargue in fondo non l'ho ancora vista e sta solo ad una cinquantina di miglia più in là :-)

24 commenti:

Lory ha detto...

Ccidenti e fermarVi a Torino no eh???...ahahahah
Bentornata bimba,adesso ti aspetto e nel mentre incrocio le dita per tutto!!!!

k ha detto...

hihihihi, in autunno una tappa la faccio sicuro! Aspetto tue news in pvt :-)))

salsadisapa ha detto...

fantastico! dev'essere dura tornare alla realtà dopo un viaggio così coinvolgente... :-)

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

ciao Katia, ben tornata.. ma allora non siete più andati in corsica, o avevo capito male io?
che bellezza, speriamo di andarci anche noi prima o poi!

stelladisale ha detto...

ma dai che bello! quando ho trovato il tuo commento ho capito che avevi anche postato qualcosa di nuovo!
che bei posti, ci vorrei tornare in costa azzurra...
il resto tutto bene? bacioni

k ha detto...

@salsadisapa: durissima... soprattutto quando il rientro non sembra offire grandi prospettive :-(

@valeria: ciao bella! No, niente corsica; ema non aveva voglia di stressarsi troppo tra maestrale e i pochi porti a disposizione... e' stato un anno faticoso per tutti e due, e abbiamo preferito un giro più semplice, visto che avevamo solo due settimane. Ma è stata una gran bella vacanza (sarà che in barca si sta sempre bene!). e voi? E' andata bene l'estate?

@stellina: ma che forte la nuova foto del tuo profilo! Bella vacanza, sì, per il resto bene, lavoro a parte. Sto un po' giocando a fare la giornalista, in attesa di trovare qualcosa di più stabile... vedremo. baci

maricler ha detto...

@Katia: ciao bella, ma sai che ho notato anche io questa caratteristica dei francesi? Non riferita alle barche, ma in genere, mi sembra abbiano un approccio più semplice verso i mezzi pubblici e lo spazio pubblico, una forte capacità di autoregolarsi democraticamente e di vivere a pieno lo spazio, inteso come mare piazze città che abitano. No? Cmq, bentornata!

Liùk ha detto...

bello bello bello, bello bello, bello.....

lefrancbuveur ha detto...

te lo dicevo che porquerolles era una bellissima isola!
sono poi stato a carloforte dove se non sbaglio volevi andare anche tu. Sul mio blog c'è un post su carloforte, se ti interessa.
li, se ci vai, ti sentirai come nella tua liguria, anche dal punto di vista della cucina.
A presto!

Excalibur ha detto...

bentornata e bellissimi posti! Si sente proprio da come ne parli che adori il mare e navigare in tutte le sue forme. Un abbraccione

fiordisale ha detto...

Bentornata k-ppina, vedrai che con la carica positiva che hai incamerato riuscirai sicuramente a trovare quello che cerchi.
bacetto

Adrenalina ha detto...

Splendida vacanza e spesso quest'estate quando vedevo le barche a vela ti ho pensata e anche invidiata :P
Grazie di renderci sempre partecipi dei tuoi bellissimi viaggi :*

laufisch ha detto...

Grazie anche da me, pescelau germanico che si è fatto Creta via terra, alla ricerca di ogni angolo in cui non ci fosse altro che natura... bentornata!

mathias8 ha detto...

che bello il post! oggi giorno cercavo un post nuovo e ora finalmente l'hai aggiornato!! grazie mille! come sempre il tuo è un blog stupendo forse uno dei migliori!! ciao ciao Mattia

iLa ha detto...

Che belle cartoline dalle tue vacanze ;-)
Ma sai che con le tue foto e i tuoi racconti mi fai proprio volgia di provare la barca a vela per farci le vacanze!
Ben tornata!

Anti ha detto...

Ciao, passa da me a ritirare un premio!
Anti di Buono Come Il pane
http://buonocomeilpane.blogspot.com

Saretta ha detto...

BENTORNATAAAAAAAA!!!io arrivo un po' in ritardo..ops!Mi hai fatto sognare con le tue foto ed il tuo racconto..Condivido con te il fatto che noi italiani riusciamo a rendere complicato, sofisticato e snob qualsiasi cosa(tipo un aperitivo in spiaggia...).Pochi capiscono che il vero lusso è altro, ossia la libertà da ogni orpello ed il fatto di respirare vita vera, come avete fatto voi!
Un abraccione e..alla prossima!
saretta

campo di fragole ha detto...

Bellissime posti e vacanza stupenda!!! Ma quel gattino marinaio e' proprio un amore :*

miciapallina ha detto...

k.... come ti capisco!
noi, naturalmente, parliamo dal punto di vista moto, non avendo la vela, ma è proprio così....
Io amo, stravedo, impazzisco per il mio paese, ma devo ammettere che la francia è più attrezzata dell'italia per accogliere il "viaggiatore".
Sia esso di mare, come nel tuo caso, o accompagnato da bici, piedi o due ruote.....
Noi torneremo in francia.... come spesso facciamo... per ora però facciamo i conti con la nostalgia!
nasinasi

fiordisale ha detto...

ehi gironzolona ti sei fermata o no?
;))

Tolletta ha detto...

Che sogno.. che invidia.. dev'essere proprio difficile tornare alla dura realtà dopo essere stata in un paradiso del genere.. già avevo intenzione di fare un viaggetto in Provenza, ma ora è una certezza! :) Buona ripresa!

lefrancbuveur ha detto...

ciao lupacchiotta di mare :)
guarda un pò sul mio blog, conosci ouessant?

Fra ha detto...

Che spettacolo, che colori stupendi! Invidio molto il vostro modo di viaggiare, la possibilità di scoprire tratti di costa incontaminati e da una prospettiva così particolare.
Grazie per aver condiviso questa esperienza
un bacio
Fra

Dolcetto ha detto...

Che spettacolo!!